Home Animali Virus dell’influenza suina: quali sono i sintomi e come si cura

Virus dell’influenza suina: quali sono i sintomi e come si cura

96
0

Nei giorni scorsi Maria Elia, una ragazza diciassettenne di Perugia, è morta 48 ore dopo il ricovero per febbre e forte mal di gola. Tra le ipotesi per le cause del decesso, si è parlato anche di influenza suina. Ma di che cosa si tratta e come si manifesta?

Che cos’è il virus dell’influenza suina?

Il virus dell’influenza del tipo A/H1N1, noto come anche virus dell’influenza suina, è il responsabile della pandemia di influenza del 2009 e da allora sta continuando a circolare, riaffacciandosi ogni anno nel cocktail di virus responsabili dell’influenza stagionale e contro i quali, puntualmente, viene messo a punto un vaccino specifico.

La comparsa nel 2009 in Messico

Il virus, comparso nella primavera 2009 in Messico, è una combinazione di virus provenienti da maiali, uccelli ed esseri umani. È stato probabilmente nei maiali che questi vecchi virus si sono riassortiti fino a dare origine ad un virus mai visto in grado di aggredire le cellule umane. È stata una pandemia breve, quella del 2009, dichiarata finita dopo un anno, ma questo non significa che il virus H1N1 abbia smesso di circolare nel 2010: continua a essere presente in tutto in mondo e a ogni inverno contribuisce a causare casi di influenza.

Come si trasmette

Così come per l’influenza normale, si legge sul sito del ministero della Salute, quella suina si può trasmettere per via diretta (attraverso le piccole gocce di saliva conseguenza di starnuti, colpi di tosse, baci, colloqui molto ravvicinati o attraverso il contatto con lo stesso bicchiere di una persona infetta) o indiretta. In questo caso a trasmettere il virus è il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie di qualcuno che è già malato.

È possibile contagiarsi mangiando carne di maiale?

La possibilità di trasmissione del virus mangiando carne di maiale o prodotti ottenuti dalla lavorazione di questa è esclusa, puntualizza il ministero della Salute, ma a prescindere dall’influenza è sempre preferibile mangiare carne ben cotta (cottura ad almeno 70-80°, fino a che non ci siano più parti rosee).

I sintomi

I sintomi sono gli stessi dell’influenza stagionale, ossia febbre, tosse, naso che cola, mal di gola, dolori muscolari, affaticamento. In alcuni casi possono verificarsi complicanze gravi. La categorie più a rischio sono gli anziani, i soggetti fragili e le persone affette da malattie croniche. I sintomi gravi possono essere sviluppati anche da persone giovani e in salute, ma solo in rarissimi casi.

Come si cura? Esiste un vaccino?

I farmaci usati sono gli stessi dell’influenza stagionale. Nella stragrande maggioranza dei casi sono farmaci per il trattamento dei sintomi. In qualche caso vengono utilizzati degli antivirali. Stesso discorso per il vaccino. Contro il virus della nuova influenza è efficace il consueto vaccino contro l’influenza stagionale.

Articolo precedenteA Manaus la prima settimana della moda indigena
Articolo successivoSequenziato per la prima volta il genoma umano
Valentina Romano
Ciao mi chiamo Valentina, pubblico notizie di vario genere e di vari argomenti. Mi piacerebbe interagire con voi, commentate gli articoli e vi risponderò a breve.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui