Home Covid Quarta dose vaccino: per chi e quando è indicato il richiamo anti-Covid

Quarta dose vaccino: per chi e quando è indicato il richiamo anti-Covid

113
0

Via libera in Italia alla quarta dose di vaccino anti-Covid. Lo hanno deciso Ministero della Salute, Aifa, Iss e CSS, dopo il pronunciamento di Ema ed Ecdc sulla seconda dose di richiamo del vaccino anti Covid-19 (secondo booster), e la riunione della Cts di Aifa. Una nota congiunta contiene le indicazioni sulla somministrazione. Innanzitutto i destinatari (per chi è raccomandata la quarta dose?), i tempi (quando farla?), con quali vaccini.  Si ribadisce inoltre “la priorità di mettere in massima protezione tutti i soggetti che non hanno ancora ricevuto la prima dose di richiamo, e per i quali la stessa è già stata raccomandata – prosegue la nota – e di promuovere, richiamandone l’assoluta importanza, la somministrazione della quarta dose vaccinale in tutti i soggetti con marcata compromissione della risposta immunitaria per cause legate alla patologia di base o a trattamenti farmacologici, e ai soggetti sottoposti a trapianto di organo solido. Si ricorda che per quest’ultima categoria la somministrazione della quarta dose deve essere considerata equivalente a una dose di richiamo, consistendo il ciclo di vaccinazione primaria di tre dosi”.

Per chi è raccomandata 

Il richiamo (quarta dose) è previsto per le persone che abbiano compiuto o superato gli 80 anni di età, per gli ospiti delle Rsa e per coloro i quali siano inseriti nelle categorie a rischio e abbiano un’età compresa tra i 60 e i 79 anni. Il secondo booster era già previsto per i cosiddetti pazienti ‘fragili’ con immunodepressione. A fine febbraio infatti la Commissione tecnico scientifica dell’Agenzia del farmaco ha autorizzato la quarta dose ai soggetti gravemente immunodepressi, da ricevere non prima di quattro mesi dopo l’ultima iniezione.

  • Soggetti over 80
  • Soggetti a rischio over 60 (60-79 anni)
  • Soggetti gravemente immunodepressi

Quali vaccini 

La nota fa riferimento a vaccini a mRna (Pfizer Moderna). Si specifica che la somministrazione è raccomandata “nei dosaggi autorizzati per la dose booster”.

Quando fare la quarta dose

Sui tempi della quarta dose la nota di Ministero e Aifa sottolinea che deve essere “trascorso un intervallo minimo di almeno 120 giorni dalla prima dose di richiamo”. Dopo la terza dose devono essere passati almeno 4 mesi. 

E chi ha avuto il Covid?

Al momento la raccomandazione di quarta dose non si applica “ai soggetti che hanno contratto l’infezione da Sars-CoV-2 successivamente alla prima dose di richiamo”, ovvero dopo la terza dose.

Articolo precedenteNon c’è riforma pensioni: che succede dal 2023?
Articolo successivoWhatsApp, cambia il modo di messaggiare
Valentina Romano
Ciao mi chiamo Valentina, pubblico notizie di vario genere e di vari argomenti. Mi piacerebbe interagire con voi, commentate gli articoli e vi risponderò a breve.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui