Home Elettrico Il primo monopattino elettrico Pininfarina

Il primo monopattino elettrico Pininfarina

49
0

E’ il primo monopattino elettrico disegnato dalla Pininfarina, ribattezzato Kpf Argento, aperitivo di quello che la storica Carrozzeria torinese sta per fare nel campo della micromobilità. Si annuncia una tavola ricca di portate per tutti i gusti. “Usciranno altri modelli, non solo monopattini, ma bici e bici pieghevoli, e mezzi all’insegna della sostenibilità”, promettono dalla sede di Cambiano. Il Kpf è un monopattino realizzato insieme a Platum, marchio per la mobilità elettrica urbana di MT Distribution, società della Motor Valley leader delle soluzioni e-mobility per ultimo miglio. E dopo il monopattino, nel corso del 2022 verrà lanciata anche la prima bici della gamma.

Kpf è un concentrato di tecnologia, ergonomia, innovazione con componenti di alta qualità che garantiscono il massimo del comfort all’utilizzatore: dinamico su strada, elegante, facilmente trasportabile.

CARATTERISTICHE: La pedana ha una lunghezza di 83,5 centimetri che valorizza al massimo le fluttuazioni del corpo di chi lo guida, le sospensioni sono nascoste, l’autonomia è di 40 chilometri. Il telaio in alluminio è progettato per le tre differenti modalità di guida: eco – fino a 6 km/h per l’utilizzo in aree pedonali – normal, che raggiunge i 20 km/h, e sport, la cui velocità massima è di 25 km/h. Le ruote sono da 10” con camera ad aria. Lo scopo è quello di attutire le irregolarità della strada, offrendo maggiore stabilità. Il display include il tachimetro, il livello di batteria e la distanza percorsa – totale e della singola sessione – e fari a led con versione con e senza frecce.

Kpf verrà messo sul mercato ad un prezzo a partire da 599 euro e sarà disponibile da fine marzo sull’e-commerce urbanemobility.com e in negozio nel colore Argento brillante con dettagli turchesi sulla pedana.

Articolo precedenteManipolazione dei chilometri, una truffa diffusa e pericolosa
Articolo successivoUna piattaforma digitale per combattere il tumore del fegato
Marco Lombardi
Ti ringrazio per averci visitato, mi chiamo Marco e sono un esperto di sicurezza digitale, tecnologia e socialità. Commenta l'articolo, ti risponderò a breve.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui