Home Alimentazione Cosa succede agli spaghetti nell’acqua bollente?

Cosa succede agli spaghetti nell’acqua bollente?

81
0

Ai fisici, gli spaghetti hanno sempre dato grattacapi. Già il grande Richard Feynman, statunitense e premio Nobel nel 1965, si era incaponito a capire perché quando si piega uno spaghetto prendendolo alle estremità, sia praticamente impossibile spezzarlo in soli due pezzi.

La risposta ha a che fare con il modo in cui l’onda d’urto della prima rottura si propaga lungo lo spaghetto causandone altre, e l’hanno trovata alcuni fisici francesi nel 2005 guadagnandosi l’IgNobel, il premio annuale per le ricerche più bizzarre e improbabili. Ma questa è un’altra storia.

Più di recente, Nathaniel N. Goldberg e Oliver M. O’Reilly dell’Università della California a Berkeley hanno studiato un altro dilemma fisico degli spaghetti: che cosa succede quando si deformano nell’acqua bollente. Iniziano a piegarsi, lo sappiamo. Sembra questione di gravità (la parte bagnata diventa più debole e non regge più il peso di quella sopra). Ma se tirate subito fuori dall’acqua uno spaghetto e lo mettete su un piano manterrà la curvatura acquisita.

SPAGHETTI IN FORMA. Per spiegare questo cambio di forma, i due scienziati hanno scritto le equazioni che prevedono il comportamento di uno spaghetto messo a cuocere, concludendo che vi sono tre fasi. Prima il cedimento: la pasta si gonfia a causa dell’acqua che si mescola all’amido e comincia a curvarsi formando un arco, con le estremità appoggiate una al fondo e l’altra al bordo della pentola; poi l’assestamento: metà dello spaghetto tende ad appoggiarsi sul fondo e l’altra metà sul bordo interno; infine una fase di ripiegamento: la metà superiore dello spaghetto si arriccia e va anch’essa verso il fondo della pentola.

Per verificare le loro equazioni, i due ricercatori hanno lasciato per due ore uno spaghetto in acqua a temperatura ambiente fotografandolo ogni 15 secondi, riproducendo così la cottura.

Articolo precedente5 mosse facili per proteggere la nostra vita digitale
Articolo successivoPronti per l’auto solare?
Valentina Romano
Ciao mi chiamo Valentina, pubblico notizie di vario genere e di vari argomenti. Mi piacerebbe interagire con voi, commentate gli articoli e vi risponderò a breve.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui